RSS

Sequenziato il genoma dell’eterocefalo glabro, il roditore con i superpoteri

06 lug

E’ brutto, molto brutto. Vive sottoterra, ci vede pochissimo ed è completamente privo di peli. Si chiama eterocefalo glabro, ed è uno degli animali più bizzarri che la natura abbia creato. Questo roditore africano, però, non è diventato famoso solo per il suo discutibile aspetto fisico, ma anche e soprattutto per alcune straordinarie capacità, che hanno affascinato i ricercatori per molti anni.

Tanto per cominciare, è incredibilmente longevo. Può vivere infatti fino a 30 anni, molto di più rispetto ad altri animali delle sue dimensioni: un ratto, ad esempio, può raggiungere al massimo i 4-5 anni. La sua eccezionale longevità è testimoniata dal grafico sottostante, dove sono messe in relazione, per diversi animali, la durata massima della vita e la massa corporea: tra gli animali più grandi l’uomo è uno dei più longevi, ma tra quelli con dimensioni ridotte il nostro eterocefalo spicca nettamente!

E i suoi superpoteri non finiscono qui: questi strani mammiferi sono capaci di camminare all’indietro e di consumare pochissimo ossigeno, due caratteristiche importanti per chi vive sottoterra. Inoltre, possono ferirsi, graffiarsi o bruciarsi senza provare dolore, perché mancano della sostanza P, un neurotrasmettitore che trasmette al cervello i segnali dolorosi. Infine, come se tutto ciò non bastasse a ridare dignità a questo roditore, l’eterocefalo glabro non si ammala quasi mai di cancro: è una resistenza innata la sua, che affonda le radici nel DNA. Grazie alla combinazione dei geni p27 e p16, questo animale riesce ad arrestare la proliferazione delle cellule cancerose ben prima che queste diventino un problema, e la letteratura scientifica, infatti, non ha mai riportato casi di eterocefali glabri morti di cancro.

Spero di avervi convinto del fatto che questo è un animale speciale, sotto molti punti di vista. Non sorprende quindi che qualcuno abbia deciso di sequenziarne il genoma: proprio in queste ore l’Università di Liverpool ha annunciato di aver terminato la prima bozza e di aver pubblicato i dati a questo indirizzo internet. La sequenza genomica completa dell’eterocefalo, lunga quasi 2,8 miliardi di basi (poco meno del genoma umano), sarà analizzata in dettaglio nei prossimi mesi, per studiare ad esempio i meccanismi di riparazione del DNA che permettono a questo roditore di vivere così a lungo, e di non soffrire delle malattie tipiche dell’invecchiamento.

Gli scienziati potranno inoltre studiare le basi genetiche di un’altra caratteristica molto particolare di questo animale: l’eterocefalo glabro è infatti uno degli unici due mammiferi con una struttura sociale simile a quella di api e formiche (l’altro mammifero eusociale è il Cryptomys damarensis, sempre della stessa famiglia). Le femmine della colonia sono tutte sterili, ad eccezione della regina; quando questa muore, un’operaia la sostituisce diventando fertile. Quanto ai maschi, un terzo di loro può accoppiarsi con la regina, mentre gli altri, da bravi operai, procurano il cibo e difendono il nido.

Che vita affascinante quella degli eterocefali! Chi di noi non vorrebbe rinascere eterocefalo glabro? Prima di fare domanda per un cambio di specie, però, sappiate che questi mammiferi hanno una dieta particolare: mangiano tuberi, ma non disdegnano neppure i loro stessi escrementi. Come tanti altri animali, sono infatti coprofagi.

Fonti:

About these ads
 
6 commenti

Pubblicato da su 6 luglio 2011 in Scienza

 

Tag: , , , , , , , ,

6 risposte a “Sequenziato il genoma dell’eterocefalo glabro, il roditore con i superpoteri

  1. Alessandro Donada

    6 luglio 2011 at 14:55

    Hai dimenticato di citare l’indubbio sex appeal di questo splendido roditore :D
    E poi anche i teneri e morbidosi coniglietti sono coprofagi, per cui…..

     
    • emmecola

      6 luglio 2011 at 15:29

      Hai ragione.. E’ una creatura meravigliosa! :-)

       
  2. Mauro Mandrioli

    4 gennaio 2012 at 00:26

    ho appena finito di leggere l’articolo sul suo genoma… è un insieme intrigante di aspetti insoliti tra cui geni che non cambiano mai i livelli di espressione (assenza di processi di aging), alti livelli di telomerasi, elevata espressione di geni anti-tumorali e così via. Quasi quasi è meglio dell’ornitorinco!!

     
    • emmecola

      4 gennaio 2012 at 00:29

      Sa il fatto suo questa bestiaccia! :-)

       
  3. chri

    7 maggio 2012 at 20:16

    porca trottola

     

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: