RSS

Potere della rete!

23 giu

Ieri è successa una cosa assurda: la Commissione Europea ha pubblicato questo video “Science: It’s a girl thing”, che nelle intenzioni originarie avrebbe dovuto incoraggiare le ragazze a intraprendere la carriera scientifica. Lo scopo era nobilissimo, ma il risultato.. Beh, giudicate voi.

Lo sappiamo che a molte donne piacciono i trucchi, le borsette e i bei vestiti. Ma che senso ha sfruttare questi temi per catturare l’attenzione su un argomento – la scienza – che con la moda e il make-up non c’entra nulla? Se vuoi attirare le ragazze di quarta o quinta superiore che stanno decidendo del loro futuro, forse dovresti puntare su altri aspetti. Io l’avrei messa in questo modo: “In una società come quella moderna dove le donne vengono equiparate a dei bei soprammobili, la scienza può valorizzarti per le tue vere capacità, per la tua mente brillante. Con la scienza puoi provare a cambiare il mondo rendendolo un posto migliore.” Oh beh, qualcosa del genere. Non sono certo un genio del marketing io, ma forse avrebbe funzionato meglio di questo video dal momento che nel giro di poche ore la Commissione Europea ha deciso di rimuoverlo.

Si dà il caso, infatti, che non sia stato l’unico a restare scioccato. Subito dopo la pubblicazione, centinaia di utenti dei social network (maschi e femmine) si sono scagliati contro uno spot definito sessista e profondamente sbagliato. In particolare, gli utenti Twitter si sono scatenati, creando un nuovo hashtag (#realwomeninscience) per raccogliere tutte le voci che si opponevano a questa genialata della Commissione Europea. E ieri sera – potere della rete – l’account Twitter della Commissione ha postato questo tweet:

Il video originale è stato rimosso, e la Commissione ha creato una lista Twitter (Real Women in Science) che ha già 250 membri: se anche tu ti ritieni una di loro, corri a iscriverti!

About these ads
 
1 commento

Pubblicato da su 23 giugno 2012 in Scienza, Varie

 

Tag: , , , , ,

Una risposta a “Potere della rete!

  1. icittadiniprimaditutto

    23 giugno 2012 at 17:03

    Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

     

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: