RSS

La comunicazione della scienza nell’era dei social: emozionare o informare?

Con l’articolo che ripubblico qui sotto inizia per me una nuova collaborazione con il sito “I Mille – Le cose cambiano”. Scriverò di ricerca, scienza e società. Venitemi a trovare anche qui ogni tanto! ;-)


i_love_science_poster_by_paulsizer-d5xweux

Organismi geneticamente modificati, metodo Stamina, sperimentazione animale: il dibattito pubblico su temi scientifici è più acceso che mai. Incalzata dai media e dai gruppi di pressione, la politica si è trovata ad affrontare – spesso con scarsi risultati – problemi complessi, in cui l’aspetto scientifico e quello sociale si sono mescolati a tal punto da risultare molte volte indistinguibili. E se alla classe politica possiamo rimproverare di non aver affrontato razionalmente questi problemi, concedendo troppo alla demagogia, d’altra parte non si può dire che la popolazione avesse gli strumenti per valutare lucidamente le questioni che di volta in volta venivano sollevate: raramente i media hanno scelto di spiegare, quasi sempre hanno preferito scandalizzare, commuovere o spaventare. Impostare un dibattito sui binari dell’emotività è il modo più semplice per muovere le coscienze, soprattutto in un Paese come il nostro, dove la cultura scientifica è da sempre trattata con supponenza e sospetto. Parte di questa strategia ha a che fare con l’uso delle immagini. Puoi fare un discorso perfettamente logico e convincente, puoi presentare numeri e tabelle, ma il castello della razionalità crolla miseramente se dall’altra parte c’è un’immagine vincente. Con le immagini è tutto più facile: basta una foto per far scattare a piacimento sentimenti come la rabbia, l’indignazione, la paura, la pietà. E i tre temi menzionati all’inizio di questo articolo, in effetti, hanno tutti un denominatore comune: in tutti questi casi l’opinione pubblica è stata condizionata e plasmata anche grazie all’uso di immagini forti. Immagini che passano in TV e sui giornali, ma che diventano virali soprattutto sui social network, Facebook in particolare.

Nel caso degli OGM si è voluto spaventare. Basta cercare “OGM” su Google per rendersene conto: le immagini neutrali o favorevoli agli organismi geneticamente modificati sono una minima parte rispetto ai mostruosi fotomontaggi che hanno accompagnato questa tecnologia fin dalla sua nascita. Pensiamo alla fragola-pesce, una creatura mitologica che è ormai entrata a far parte dell’immaginario collettivo. Una vera e propria leggenda metropolitana che si è rivelata essere lo strumento perfetto per allontanare l’interlocutore dal sentiero della razionalità e spingerlo verso le pulsioni più istintive, che ci portano a fuggire da tutto ciò che è nuovo e sconosciuto, invitandoci ad approdare al porto sicuro della tradizione e dei bei tempi andati. Ovviamente non è mai esistita nessuna fragola-pesce, ma l’immagine era così evocativa da resistere ancora oggi, a distanza di anni dalla sua comparsa sui media. Cosa dire invece del metodo Stamina? Il caso è diventato di pubblico dominio grazie alle Iene, il cui messaggio è passato in gran parte attraverso la strumentalizzazione di immagini di bambini malati e sofferenti. Gli scienziati, dal canto loro, hanno dovuto subire l’accusa infamante di essere persone insensibili, fredde macchine razionali impossibili da scalfire persino con la più straziante delle tragedie umane. Eppure è esclusivamente con la razionalità e la lucidità che si può fare scienza, e trasformare le nuove conoscenze in soluzioni terapeutiche concrete ed efficaci. Ma quando dall’altra parte c’è il dolore di un bambino sbattuto in prima pagina (o in prima serata), qualunque considerazione ancorché giusta svanisce istantaneamente. Infine, la questione più scottante e attuale, quella relativa alla sperimentazione animale. Anche qui, la battaglia tra le due fazioni (perché di guerra si tratta, in molti casi) si è combattuta a suon di immagini. I movimenti animalisti hanno fatto abbondante uso di fotografie terribili, con animali costretti a subire tremende torture, ma non hanno disdegnato nemmeno sapienti fotomontaggi volti a screditare quei ricercatori che avevano difeso pubblicamente l’utilità della vivisezione (come viene impropriamente chiamata). Poco importa se le immagini cruente di animali straziati non corrispondano alla realtà, almeno non qui in Europa, e ancor meno importa il fatto che circa il 92% degli scienziati ritenga che purtroppo non si possa fare a meno della sperimentazione animale. L’impatto emotivo di quelle foto e di quei camici insanguinati è semplicemente devastante.

Le immagini sono uno strumento potentissimo all’interno di una discussione, specie se gli interlocutori non sono molto informati sul tema. Spesso raggiungono l’obiettivo, muovendo le masse verso una posizione piuttosto che un’altra. E ad avvantaggiarsene sono stati anche coloro che stanno dalla parte della scienza, come dimostra la recente vicenda di Caterina Simonsen, suo malgrado divenuta nel giro di poche settimane una celebrità della rete. Il coinvolgimento emotivo è un’arma micidiale, che può essere usato sia dagli oppositori della scienza, sia da quelli che dovrebbero esserne i paladini. Ma è davvero la strategia migliore? Dal punto di vista etico, sfruttare immagini di persone sofferenti per portare avanti una causa non sembra certo il massimo della correttezza. Tuttavia, non è a questo che mi riferisco, quanto piuttosto all’efficacia di questo approccio nel lungo periodo. Le immagini scioccanti sono perfette per orientare l’opinione pubblica in merito al singolo episodio (i movimenti animalisti hanno obiettivamente accusato il colpo dopo la vicenda di Caterina), ma hanno il difetto di mancare il bersaglio grosso, quello che un amante della scienza dovrebbe considerare come l’obiettivo prioritario: insegnare a valutare un problema in modo razionale, informandosi e pesando pro e contro. In teoria, viviamo in una democrazia moderna, relativamente colta e istruita. Dovremmo quindi smetterla di trattare le persone come un gregge da guidare da una valle all’altra ogni volta che si presenta un nuovo argomento di discussione. Oggi è la sperimentazione animale, domani potrebbe essere qualcos’altro. La verità è che esiste soltanto una bussola che permette di trovare sempre, in ogni circostanza, la via giusta: è la bussola del pensiero critico, della logica e della corretta informazione. Educare le persone a usarla le renderà cittadini liberi, e realmente consapevoli delle proprie opinioni. Fare informazione corretta paga. Prendiamo ad esempio il recentissimo sondaggio IPSOS sulla sperimentazione animale: la percentuale di favorevoli saliva dal 49% al 57% se agli intervistati venivano fornite informazioni di base sull’argomento. In modo analogo, all’ultimo Festival della Letteratura di Mantova, il ricercatore Dario Bressanini e la giornalista Beatrice Mautino erano riusciti a vincere un confronto Oxford-style sul tema degli OGM, convincendo molti scettici a passare dalla loro parte. Comunicare la scienza in modo pacato, chiaro e oggettivo rimane ancora la strategia vincente. Anche nell’era di Twitter e Facebook.

 
1 commento

Pubblicato da su 23 gennaio 2014 in Medicina, Salute, Scienza, Varie

 

Tag: , , , , , , , , , , ,

La dieta del gruppo sanguigno non funziona

ResearchBlogging.orgAvrete sicuramente sentito parlare della dieta del gruppo sanguigno. Inventata dal naturopata Peter D’Adamo nel 1996, raggiunse un successo planetario grazie al libro “Eat right for your type” che ha venduto oltre 7 milioni di copie. Secondo la teoria sviluppata da D’Adamo e poi ripresa anche da alcuni nutrizionisti italiani, l’alimentazione di ciascun individuo dovrebbe essere personalizzata in relazione al gruppo sanguigno: il gruppo 0 è considerato il gruppo più antico, perciò i suoi possessori dovrebbero seguire una dieta ricca di proteine di origine animale, come quella dei nostri antenati cacciatori-raccoglitori; il gruppo A invece è associato alla nascita dell’agricoltura, ne consegue che queste persone dovrebbero seguire una dieta vegetariana; chi è del gruppo B dovrebbe mangiare più latticini; gli AB, invece, possono mangiare un po’ di tutto, con moderazione. Gli autori dello studio che commento in questo post hanno realizzato un grafico che descrive molto bene la proporzione dei diversi alimenti nei quattro casi.

Blood Type Diet

Nei confronti di questa bizzarra teoria c’è sempre stato molto scetticismo. Comprensibile: sembra improbabile che il solo gruppo sanguigno di una persona possa influenzare in modo così forte le sue necessità nutrizionali. Gli studi di nutrigenetica ci insegnano che il DNA ha un peso in questo senso, ma le variazioni genetiche che contano sono numerose, interagiscono tra loro e soprattutto sono spesso a carico di enzimi del metabolismo. Nel caso del gruppo sanguigno, si tratta invece di due SNP (rs8176719 e rs8176746) all’interno di un unico gene, il gene ABO. E benché il gruppo sanguigno sia stato in passato associato a varie malattie, in letteratura non si trova quasi nulla riguardo al suo ipotetico effetto sulla risposta dell’organismo alla dieta seguita. D’altra parte, risulta difficile pensare che esistano solo quattro diete ottimali per tutta la popolazione, quando le componenti di una sana alimentazione sono moltissime e tutte potenzialmente legate a fattori genetici.

bloodtypefoodSe prima era lecito sospettare che questa dieta non funzionasse, oggi ne abbiamo la dimostrazione. Lo prova uno studio pubblicato sulla rivista PLoS ONE e condotto dal gruppo di Ahmed El-Sohemy, dell’Università di Toronto. Come prima cosa, i ricercatori hanno compilato, per ognuna delle quattro diete, una tabella dove a ciascun alimento era associato un punteggio positivo se questo era previsto dalla dieta e un punteggio negativo se era invece in contrasto con essa (pdf). Dopodiché, hanno chiesto a circa 1500 persone di descrivere la loro alimentazione nel corso di un mese, e hanno quindi calcolato con l’aiuto della tabella un punteggio che descrivesse in che misura la dieta del singolo partecipante fosse in linea con ciascuno dei quattro regimi alimentari proposti da Peter D’Adamo. Infine, hanno misurato una serie di parametri quali l’indice di massa corporea, la pressione, il colesterolo o la glicemia, tutti fattori di rischio cardiometabolico. I risultati hanno mostrato che seguire la dieta di tipo A o di tipo AB può avere effetti benefici per quasi tutti i valori considerati. La dieta di tipo 0 riduce i trigliceridi, mentre la dieta di tipo B è quella meno vantaggiosa. La cosa interessante, però, è che questi vantaggi si verificano indipendentemente dal gruppo sanguigno. Classificando i partecipanti in funzione del loro gruppo, infatti, non emergevano particolari differenze tra chi seguiva la “propria” dieta e chi no. Questo accadeva con tutte e quattro le diete considerate.

Questo studio boccia definitivamente una teoria fantasiosa, che in realtà era già stata messa in discussione da altri lavori precedenti. Ad esempio, a D’Adamo è stato contestato il fatto di aver considerato come gruppo sanguigno ancestrale il gruppo 0, quando invece analisi filogenetiche sembrano propendere per il gruppo A. Ovviamente, tra i miei lettori ci sarà anche qualcuno che dirà: “Eppure con me ha funzionato!”. La spiegazione è semplice: come dimostrato dal lavoro di El-Sohemy, gli effetti positivi di queste diete ci sono (soprattutto per quelle di tipo A e AB), ma non hanno niente a che vedere con il gruppo sanguigno di chi decide di seguirle.


Jingzhou Wang, Bibiana García-Bailo, Daiva E. Nielsen, & Ahmed El-Sohemy (2014). ABO Genotype, ‘Blood-Type’ Diet and Cardiometabolic Risk Factors PLoS ONE : 10.1371/journal.pone.0084749

 
4 commenti

Pubblicato da su 17 gennaio 2014 in Business, Genetica personale, Nutrizione, Salute, Scienza

 

Tag: ,

Nuove Strade per myGenomix

StradeCon grande piacere e con un pizzico di orgoglio vi annuncio che da oggi potrete leggere qualche mio articolo sulla nuova rivista online Strade. In questo magazine si parla soprattutto di politica e di economia (argomenti sui quali non sono certo un esperto), ma hanno anche una fantastica sezione “Scienza e razionalità” dove scrive gente del calibro di Silvia Bencivelli e Giordano Masini. Mi aggiungo a questa rispettabilissima compagnia, sperando di essere all’altezza. Nel primo articolo (spero ne seguiranno altri!) racconto della battaglia in corso tra 23andMe e la FDA.

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 4 dicembre 2013 in Genetica personale, Varie

 

Tag: , ,

La FDA dichiara guerra a 23andMe: a rischio il Facebook della genetica

23andme_front_2_110315“Vi preghiamo di comunicare al presente ufficio, entro quindici giorni lavorativi dal ricevimento di questo lettera, le specifiche azioni che avete intrapreso per rispondere alle questioni sollevate più sopra. Includete la documentazione relativa alle azioni correttive che avete intrapreso. Se tali azioni dovessero svolgersi nel tempo, siete pregati di allegare la programmazione per la loro implementazione. Nel caso in cui non fosse possibile completare le azioni correttive richieste entro quindici giorni lavorativi, giustificatene il motivo e dichiarate le tempistiche necessarie per completarle. Qualora non doveste compiere adeguate azioni correttive, la Food and Drug Administration potrebbe prendere provvedimenti nei vostri confronti. Tali provvedimenti includono sequestro, ingiunzione e sanzioni pecuniarie.”

Termina così la lettera ufficiale della Food and Drug Administration indirizzata a 23andMe, l’azienda di Mountain View che dal 2006 offre servizi di analisi genetiche direttamente ai consumatori, meritandosi per questo motivo l’appellativo di “Facebook della genetica” (a questo proposito, consiglio l’ottimo articolo di Sergio Pistoi su Wired). La società californiana è oggetto delle attenzioni della FDA almeno dal 2010, quando l’ente governativo statunitense che si occupa della regolamentazione di farmaci e prodotti alimentari scrisse alle principali aziende di genomica personalizzata, chiedendo informazioni dettagliate sui servizi offerti e sulle basi scientifiche che ne giustificherebbero la commercializzazione. Navigenics, Pathway Genomics e deCODEme – le altre società contattate a quel tempo – hanno nel frattempo abbandonato il mercato dei test genetici direct-to-consumer (DTC), oggi ormai dominato dalla sola 23andMe, che si appresta a tagliare il traguardo del milione di kit venduti. Sempre che la FDA non si arrabbi sul serio.

A differenza delle comunicazioni precedenti, infatti, il tono dell’ultima lettera sembra particolarmente aggressivo e minaccioso, e non a torto. 23andMe aveva risposto alle prime sollecitazioni, inoltrando una domanda formale per ottenere dalla FDA l’autorizzazione a vendere il suo Personal Genome Service (PGS), ma alle richieste dell’ente di fornire ulteriore documentazione a supporto della richiesta, 23andMe non ha mai replicato. Dopo centinaia di email e decine di incontri durante i quali la FDA avrebbe aiutato l’azienda californiana a mettersi in regola con la normativa vigente, fornendo persino consulenze di tipo scientifico e statistico, ad oggi 23andMe non ha ancora regolarizzato la propria posizione. Ciononostante, continua a vendere i suoi servizi da oltre 5 anni, senza essere mai riuscita a dimostrare all’ente la validità analitica e clinica dei propri test genetici, e mostrandosi anche poco collaborativa nei confronti dell’autorità competente.

In seguito a queste considerazioni, la Food and Drug Administration ha quindi intimato a 23andMe di sospendere la vendita del Personal Genome Service fintanto che l’azienda non avrà fornito i chiarimenti richiesti. In attesa di sapere cosa accadrà, consiglio a tutti i clienti di 23andMe di scaricare i raw data personali sul proprio computer: se la FDA dovesse agire in modo pesante nei confronti dell’azienda californiana, tutti i dati genetici custoditi nella sua enorme banca dati potrebbero infatti diventare inaccessibili.

 
2 commenti

Pubblicato da su 26 novembre 2013 in Business, Genetica personale

 

Tag: , , , , , , ,

Che ne dite di un master in genetica forense?

Ricevo e condivido volentieri con i miei lettori la locandina del nuovo master in genetica forense dell’Università di Roma Tor Vergata. Se volete scoprire la realtà oltre CSI, affrettatevi: il termine per presentare le domande è il 18 novembre!

Forensic_Genetics_Group_banner

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 17 ottobre 2013 in Scienza, Varie

 

Tag: , ,

L’editoria scientifica non funziona? Cambiare si può

The_death_of_the_peer-reviewed_articleIn questi giorni ha fatto molto discutere un articolo pubblicato su Science che sembrerebbe evidenziare dei lati oscuri nel mondo dell’editoria scientifica open-access. L’autore del lavoro, John Bohannon, raccconta di avere mandato a 304 riviste scientifiche ad accesso libero un articolo volutamente infarcito di errori metodologici grossolani, con lo scopo di mettere alla prova il processo di revisione delle riviste suddette: sorprendentemente, ben 157 riviste hanno dichiarato che l’articolo meritava di essere pubblicato. La maggior parte di queste erano riviste già note per essere poco affidabili (comparivano nella blacklist curata dal prof. Jeffrey Beall), ma anche riviste più dignitose hanno abboccato allo scherzetto di Bohannon. Per capire la portata di questo risultato e inquadrarlo nel giusto contesto, occorre fare un passo indietro e spiegare come vengono pubblicati gli articoli scientifici nel mondo accademico. Quando un ricercatore vuole pubblicare un articolo che descrive la sua scoperta, lo manda a una rivista accademica specializzata; questa dà una prima rapida occhiata per capire se il lavoro è sufficientemente interessante per i suoi lettori (riviste molto quotate come Nature e Science richiedono standard molto elevati), dopodiché spedisce la bozza ai reviewer, cioè altri scienziati del settore (spesso due o tre) che hanno il compito di leggere attentamente l’articolo e fornire un parere tecnico. Il responso può essere positivo, e allora l’articolo viene pubblicato, oppure negativo, magari per qualche errore di metodo oppure perché le conclusioni degli autori non sono supportate dai risultati sperimentali. Il più delle volte, si verifica una situazione intermedia: i reviewers segnalano agli autori le correzioni da fare, e dopo un tira e molla più o meno lungo si arriva al responso definitivo. Questo processo, denominato peer-review o revisione tra pari, è o dovrebbe essere il marchio di qualità per una pubblicazione scientifica, ed è proprio questo a non aver funzionato con l’articolo di Bohannon: la maggior parte delle riviste interpellate hanno deciso di accettare l’articolo, dimostrando di non aver effettuato nessuna peer-review o di averla fatta in modo molto superficiale. Non è un problema da poco, perché la revisione tra pari serve anche a togliere dalle spalle dei ricercatori il peso di dover controllare minuziosamente le pubblicazioni scientifiche dei colleghi, che in questo modo sono invece già state approvate dalla comunità scientifica. Per pianificare i loro esperimenti, gli scienziati si basano sui lavori pubblicati da altri: per questo, per evitare l’amplificazione degli errori, è fondamentale che ogni pubblicazione passi il vaglio della peer-review.

produktbilde_science_journalsAssodato che la revisione tra pari è un passaggio essenziale per una rivista scientifica che si rispetti, esistono tuttavia due diversi modelli di business per queste riviste. Alcune sono a pagamento, altre sono ad accesso libero. Le prime sono accessibili solo dopo aver acquistato un costosissimo abbonamento, generalmente pagato dall’università o dall’ente di ricerca presso cui il ricercatore lavora; le altre, invece, sono accessibili gratuitamente da tutti, scienziati e non. Queste ultime sono le cosiddette riviste open-access finite sul banco degli imputati nell’inchiesta di Bohannon. In effetti, benché sembri apparentemente la soluzione migliore, le riviste open-access portano con sé un problema. Se le riviste tradizionali guadagnano dagli abbonamenti, infatti, le riviste open-access tendono invece a rivalersi sui ricercatori che vogliono pubblicare un articolo: quando l’articolo viene accettato, l’autore è costretto a sborsare cifre a volte elevatissime (spesso nell’ordine delle migliaia di euro). La mia sensazione, e credo non solo mia, è che questo possa introdurre un effetto distorsivo: rispetto a una rivista tradizionale, la rivista open-access è – almeno in linea teorica – incentivata ad accettare gli articoli piuttosto che a bocciarli. Se a questo uniamo il costante bisogno dei ricercatori di pubblicare per contare qualcosa nella comunità scientifica (è il famoso “publish or perish“), ecco spiegato il proliferare di riviste scientifiche open-access di dubbia qualità e il rischio di vedere pubblicati articoli spazzatura. Chiariamoci, anche le riviste a pagamento possono prendere delle cantonate (esiste un sito – Retraction Watch – che raccoglie tutti gli articoli pubblicati e poi ritirati), ma a mio avviso l’open-access rischia di esserne toccato in modo particolare. D’altra parte, non possiamo negare ai cittadini la possibilità di leggere gli articoli scientifici: dopotutto, il più delle volte quelle ricerche vengono svolte grazie a fondi pubblici. Il problema vero, secondo me, non è l’open-access, ma l’intero meccanismo dell’editoria accademica e della peer-review, che andrebbe riformato in modo da venire incontro alle esigenze di tutti gli attori in gioco: i cittadini, i ricercatori, lo Stato (che paga) e le riviste scientifiche che operano in modo serio. Prima di descrivere la riforma che ho in mente, vorrei però elencare quelli che a mio giudizio sono i problemi principali del sistema attuale.

Riviste inaffidabili – Per fare carriera, uno scienziato deve pubblicare il più possibile. Le performance dei ricercatori, anche nell’ottica dell’assegnazione dei fondi statali, vengono valutate sulla base del numero di pubblicazioni. Publish or perish. Pubblica o muori (professionalmente, s’intende!). Con questa domanda crescente, c’è il rischio che appaiano dal nulla editori senza scrupoli con l’unico obiettivo di avvantaggiarsi della fame di pubblicazioni.

Revisione inefficiente – Più sopra non ho detto una cosa a proposito dei reviewer: essi forniscono la loro consulenza a titolo gratuito. Come scrive il prof. Greg Hickok sul suo blog, i ricercatori più anziani ed esperti sono spesso sommersi da richieste di review, un lavoro che porta via tempo ed energie. Non avendo neppure un incentivo economico, essi tendono a declinare l’invito, con il risultato che spesso i reviewer sono dei giovani scienziati all’inizio della loro carriera, i quali pur di aggiungere una stelletta al loro curriculum accettano anche di lavorare gratuitamente. Spesso – dice Hickok – questi giovani ricercatori fanno delle ottime revisioni, ma sicuramente peccano di esperienza e possono commettere errori di valutazione. Inoltre, legato a questo problema c’è anche quello delle tempistiche: dal momento che trovare ricercatori disposti a fare review non è facile, spesso passa moltissimo tempo prima che un articolo ottenga un responso definitivo da parte della rivista. Nel caso delle riviste open-access, poi, esiste come dicevo il rischio che un editore chiuda un occhio su un articolo non particolarmente brillante pur di raggranellare qualche migliaio di euro. Tutte queste cose vanno a discapito della qualità degli articoli pubblicati, e allungano le tempistiche.

Trasparenza – I cittadini hanno il diritto di sapere dove vanno a finire le loro tasse, un diritto che – inutile girarci intorno – può essere garantito solo passando a un modello di pubblicazione open-access. Il paywall imposto dalle riviste a pagamento è alto: un abbonamento annuale a Nature costa più di 200 euro, mentre per Science il prezzo è 150 dollari. Indipendentemente dalla cifra, però, si tratta soprattutto di una questione di principio: le ricerche sono finanziate con soldi pubblici, di conseguenza è comprensibile che il privato cittadino pretenda di conoscere i frutti del suo investimento senza che qualcuno gli chieda di sborsare altri soldi.

Costi elevati – Se un abbonamento per un singolo utente costa 200 euro, immaginate quanto possa pagare un’università pubblica o un ente di ricerca per garantire l’accesso a tutti i suoi ricercatori, professori e studenti. Moltiplicate questo numero per tutte le riviste a cui i gruppi di ricerca potrebbero essere interessati ed otterrete una cifra astronomica. Pensate che a volte, persino l’autore dell’articolo stesso è costretto a pagare la rivista per poterne avere una copia, se questa non è coperta dall’abbonamento dell’università. D’altra parte, se anche tutte le riviste si convertissero al modello open-access, le università non smetterebbero di spendere: pubblicare un articolo su PLoS ONE, ad esempio, costa circa 1000 euro ed è anche una delle riviste più economiche.

PeerJSo che il problema dell’editoria scientifica è complesso e non pretendo certo di avere la soluzione. Tuttavia, mi permetto di fare una proposta che a mio avviso potrebbe contribuire a risolvere gran parte dei problemi sopra enunciati. Il modello di riferimento è quello adottato da una nuova rivista di biologia ad accesso libero, PeerJ, che ha scelto un modello di business innovativo: invece di chiedere agli autori di pagare per ogni articolo pubblicato, PeerJ offre loro la possibilità di “abbonarsi” alla rivista (come autore, non come lettore), pagando una cifra ridicola rispetto ai 1000 euro di PLoS ONE: appena 99 dollari. Inoltre, nel momento in cui l’autore paga, automaticamente acquisisce il diritto di pubblicare su PeerJ un articolo all’anno, per sempre (ovviamente devi sempre passare il filtro della peer-review). Certo, anche gli altri autori che hanno collaborato alla stesura dell’articolo dovranno pagare la loro quota (fino a un massimo di 12), ma avere l’opportunità di pubblicare per sempre senza dover sborsare altri soldi offre sicuramente vantaggi enormi sul lungo periodo. Ad esempio, se un team di cinque autori decidesse di pubblicare un articolo all’anno su PeerJ spenderebbe complessivamente 495 dollari, meno di un decimo rispetto a quanto spenderebbe se volesse pubblicare gli stessi lavori su PLoS ONE. Oltre a ridurre i costi, questo sistema porrebbe un freno al proliferare incontrollato e a volte dannoso delle riviste open-access: quando un ricercatore si abbona a una rivista, infatti, è incentivato a pubblicare sempre su quella rivista per mere ragioni economiche, di conseguenza dimunirà la richiesta di nuove riviste. Trattandosi inoltre di riviste ad accesso libero, anche il problema della trasparenza sarebbe risolto. E persino l’incentivo ad accettare articoli che affligge le riviste ad accesso libero viene in questo modo ridimensionato: una volta concesso a un autore l’abbonamento annuale, la rivista non ha più interessi particolari ad accettare i suoi articoli e potrà svolgere una revisione accurata senza condizionamenti. Rimane l’altro problema che inficia la qualità della peer-review: il fatto che i reviewer non siano pagati. Non accade neppure con PeerJ che io sappia, e invece credo proprio che sarebbe il caso di introdurre questa novità. Quando chiediamo una consulenza a un esperto, quello giustamente pretende di essere pagato. Se non lo facessimo, credete che questo si impegnerebbe allo stesso modo? Io penso di no. Trovo francamente sconcertante il fatto che la comunità scientifica accetti questo trattamento come se fosse normale e lecito (si è sempre fatto così!) e non vi si opponga, dal momento che esso rappresenta di fatto uno sfruttamento gratuito di tempo e competenze altrui. Fortunatamente, non sono l’unico a pensarla così. Se le riviste iniziassero a pagare i reviewer, anche con una cifra piccola, simbolica, troverebbero molti più ricercatori disposti a offrire la loro professionalità e probabilmente si dedicherebbero alle revisioni con maggiore impegno e celerità, a tutto vantaggio della qualità della peer-review e dei tempi di pubblicazione.

 
15 commenti

Pubblicato da su 8 ottobre 2013 in Scienza, Varie

 

Tag: , , , , , ,

Fecondazione assistita: anche le coppie fertili potranno accedere alla diagnosi pre-impianto

DonatellaGalterioAvevo già raccontato la storia di Rosetta Costa e Walter Pavan, i coniugi romani con un figlio malato di fibrosi cistica che avevano cercato, in vista di una seconda gravidanza, di accedere alla fecondazione assistita con diagnosi pre-impianto, pratica vietata per le coppie fertili in base alla legge 40 del 2004. La coppia si era rivolta alla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo di Strasburgo, che aveva dato loro ragione, dichiarando che la legge 40 viola gli articoli 8 e 14 della Convenzione Europea per la Salvaguardia dei Diritti dell’Uomo e delle Libertà Fondamentali, che sanciscono rispettivamente il diritto al rispetto della vita privata e familiare, e il divieto di discriminazione: la legge 40, in altre parole, è vista come un’ingerenza dello Stato nella vita di coppia. La stessa legge, inoltre, è stata giudicata incoerente con la legge 194/1978 sull’aborto, la quale consente l’aborto terapeutico quando il feto risulta essere affetto da patologie come, appunto, la fibrosi cistica. Questo pronunciamento della Corte di Strasburgo risale all’estate del 2012. Il governo italiano aveva presentato ricorso, ma quest’ultimo è stato respinto lo scorso febbraio. Pochi giorni fa, il giudice Donatella Dalterio del Tribunale di Roma ha deciso di recepire la sentenza, ritenendo che in caso di normative contrastanti quella europea debba prevalere su quella italiana. Rosetta e Walter, dunque, potranno accedere alla diagnosi pre-impianto e potranno farlo a spese del Servizio Sanitario Nazionale. Oggi i due coniugi possono dire di avere vinto finalmente la loro battaglia, e con loro tutte le coppie fertili che hanno la sfortuna di essere portatrici di malattie genetiche recessive.

 
1 commento

Pubblicato da su 1 ottobre 2013 in Medicina, Salute, Scienza, Varie

 

Tag: , , ,

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: