RSS

Archivi tag: cavolo cinese

GenoMIX #16 – Agosto 2011

Agosto è un mese soporifero, vanno in vacanza un po’ tutti: i ricercatori, i blogger e i lettori dei blog. Ciononostante, qualche notizia interessante è arrivata comunque. Si aggiungono altre due specie alla lista dei genomi sequenziati: il cavolo cinese (un tipo di rapa) e il wallaby tammar (un canguro australiano). C’è poi il sequenziamento del genoma della marijuana, che è ancora un work in progress ma che a breve verrà pubblicato.

Per quanto riguarda la genomica umana, protagonista è stata 23andMe, l’azienda che domina il settore, la quale ha ribadito la sua posizione di leadership avviando un’iniziativa volta a favorire una popolazione troppo spesso dimenticato dalla comunità scientifica: gli africani e gli afro-americani.

Per finire, una cattiva notizia: da un sondaggio che ha coinvolto 800 medici, risulta che la classe medica americana non conosce abbastanza la genetica, e non si sente in grado di affrontare la nuova era che è alle porte, quella della medicina personalizzata.

 
2 commenti

Pubblicato da su 31 agosto 2011 in GenoMIX

 

Tag: , , , , , , , , , ,

Rape e canguri

La macchina del sequenziamento genomico avanza inarrestabile: le ultime “vittime” sono la rapa (Brassica rapa) e un piccolo canguro, il wallaby tammar (Macropus eugenii).

La rapa oggetto dello studio non è quella tanto apprezzata dai nostri amici pugliesi, ma una sottospecie cinese chiamata appunto cavolo cinese. E’ una lontana parente di Arabidopsis, la specie modello utilizzata nei laboratori di biologia vegetale di tutto il mondo, ma rispetto a questa ha un genoma molto più complesso: tra i 13 e i 17 milioni di anni fa, infatti, il suo intero patrimonio genetico si è triplicato. Sequenza alla mano, si è scoperto che questo drastico evento ha in qualche modo favorito l’adattabilità a diverse condizioni ambientali, amplificando il numero di geni legati alla risposta al freddo, alla salinità, ai metalli e agli agenti patogeni. Lungo 283 milioni di basi, il genoma della rapa contiene circa 42mila geni codificanti per proteine. L’articolo è stato pubblicato su Nature Genetics.

Quello del wallaby tammar è il primo genoma di un canguro ad essere sequenziato, e il terzo di un marsupiale dopo l’opossum coda corta e il diavolo della Tasmania. Gli scienziati del consorzio internazionale che si è occupato del sequenziamento hanno analizzato il genoma del wallaby, scoprendo un numero elevatissimo di geni legati all’olfatto. Hanno inoltre osservato dei pattern di espressione genica che potrebbero spiegare lo sviluppo asimmetrico degli arti: quelli anteriori sono più sviluppati alla nascita, affinché il piccolo possa usarli per raggiungere il marsupio della madre, mentre quelli posteriori diventano in seguito dominanti, per consentire la famosa andatura saltellante. Il genoma del wallaby tammar, pubblicato sulla rivista Genome Biology, è importante anche per chiarire l’origine dei marsupiali, separatisi dai mammiferi placentati 180 milioni di anni fa.

Altri link:

Image credit: anthonycramp

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 30 agosto 2011 in Scienza

 

Tag: , , , , , , , , ,

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: