RSS

Archivi tag: popolazioni

23andMe lancia “Roots into the future”: la genomica non è (più) solo per i bianchi

Per troppo tempo la ricerca genomica si è concentrata sugli europei, dimenticando quella che è stata la culla dell’umanità: l’Africa. Quella africana è sempre stata un’etnia sottorappresentata negli studi di genomica umana, così come tutte le altre etnie diverse da quella europea: il problema è stato recentemente segnalato in tutta la sua gravità sulla rivista Nature, che ha ricordato come appena il 4% dei partecipanti agli studi di associazione genome-wide siano non-europei.

Non stupisce quindi che il 75% dei clienti di 23andMe, l’azienda che su questi studi ha fatto la propria fortuna, siano europei. I clienti afro-americani, africani o asiatici possono apprendere molto poco da un test genetico della compagnia californiana, per il semplice motivo che molti dei risultati sono validi solo per i bianchi.

Da oggi la situazione potrebbe cambiare. 23andMe ha infatti lanciato un’importante iniziativa chiamata Roots into the future che consentirà a 10mila individui di origine africana di farsi testare gratuitamente. Potranno quindi partecipare anche i 39 milioni di Afro-Americani che vivono negli Stati Uniti, e che fino a ieri erano di fatto esclusi dai servizi dell’azienda americana. Con questa mossa, 23andMe non solo incrementerà il numero dei propri clienti, ma soprattutto darà una grande accelerata alla ricerca per quanto riguarda questo importante gruppo etnico, troppo spesso dimenticato.

I clienti parteciperanno infatti a dei sondaggi, che serviranno a cercare associazioni geni-malattia valide anche per questa fetta di popolazione. Alcune associazioni scoperte negli europei saranno confermate, altre no, e sicuramente ne emergeranno di nuove specifiche per gli africani. Da semplice fornitore di servizi, 23andMe si sta trasformando in una realtà ibrida, a metà strada tra il business e la ricerca scientifica: grazie a questa innovativa forma di ricerca basata sul web, 23andMe ha già pubblicato due articoli importanti (uno nel 2010 e uno quest’anno, in cui gli autori presentano nuove associazioni scoperte per il morbo di Parkinson). “Roots into the future” segue questo filone, e lo fa percorrendo un cammino che pochissime università e istituti avevano finora seguito: il cammino che ci porta in Africa, il bellissimo continente da cui la nostra storia ha avuto inizio.

Fonte: M. Colaiacovo – Estropico Blog

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 3 agosto 2011 in Business, Genetica personale, Scienza

 

Tag: , , , , , , , , ,

Nel DNA le tracce dei nostri antenati: appello ai clienti italiani della 23andMe!

Nel nostro DNA è possibile scovare le tracce delle nostre origini genetiche: è proprio questo quello che si propone di fare chi studia la genealogia genetica. Dienekes Pontikos è un grande esperto in questo ramo, e nel suo blog si diverte a mettere in relazione le varie popolazioni umane a seconda della percentuale di codice genetico che queste condividono. Giusto per avere un’idea, questo è il grafico che si ottiene al termine di un’analisi di questo genere, che nel caso specifico è stata effettuata con il software ADMIXTURE. Le tre popolazioni italiane presenti (sardi, toscani e abitanti del Nord Italia) hanno caratteristiche genetiche ben distinte: i sardi, in particolare, perdono quasi del tutto la componente nordeuropea (in arancio chiaro) e dell’Asia occidentale (in azzurro), in favore dell’Europa meridionale (verde chiaro).

Va da sè che tante più popolazioni sono rappresentate nei dati di partenza, tanto più accurate saranno le analisi; purtroppo, gli italiani sono sottorappresentati nei dataset pubblici utilizzati da ADMIXTURE. Per questo motivo, Diekenes Pontikos ha da poco inaugurato un nuovo progetto, chiamato Dodecad Ancestry Project, che si propone di arricchire le popolazioni al fine di ottenere risultati più affidabili: nel blog aperto per l’occasione, l’autore chiede a tutti coloro che sono stati clienti della 23andMe di inviargli via mail i loro dati genetici. In cambio, i partecipanti riceveranno un’analisi dettagliata delle proprie origini, che potranno mettere a confronto con tutte le altre popolazioni ed etnie del mondo, man mano che il progetto andrà avanti. L’unico requisito è di appartenere a uno dei 12 gruppi presenti nella lista indicata, che comprende oltre agli italiani in generale, anche gli Ebrei che vivono nel nostro Paese (fanno gruppo a sé). Forza, affrettatevi: avete tempo fino alla fine del mese per mandare i vostri dati.

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 26 ottobre 2010 in Genetica personale, Scienza

 

Tag: , , , , , ,

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: