RNA ad alta infedeltà

Gli studenti di biologia conoscono bene la legge fondamentale che le cellule viventi devono rispettare, il dogma centrale della biologia molecolare. Si tratta del principio secondo cui l’informazione genetica si muove in una direzione, dal DNA all’RNA e dall’RNA alle proteine. Il primo duro colpo a questa legge è stato assestato dai retrovirus, in grado di far retrotrascrivere alla cellula ospite il proprio RNA in DNA e capaci quindi di trasferire informazione nel senso opposto rispetto a quello convenzionale. Dal meeting annuale della Società Americana di Genetica Umana arrivano ora altre novità che potrebbero far vacillare nuovamente il dogma: a quanto pare, le cellule non sono molto accurate nel trasportare l’informazione genetica, anzi sembra che il messaggio contenuto nel DNA arrivi quasi sempre alterato a destinazione.

Il biostatistico Mingyao Li e i suoi colleghi hanno sequenziato il trascrittoma di 27 individui che avevano partecipato al progetto 1000 Genomi, leggendo quindi tutti gli RNA messaggeri che la cellula sintetizza copiando le informazioni contenute nel DNA. Mappando questi RNA sul genoma dei rispettivi proprietari, però, i ricercatori si sono accorti che il 97% di queste molecole non si appaiavano perfettamente, e mostravano invece delle piccole differenze. L’RNA prodotto non è quindi una copia fedele del DNA, come si pensava. Forse il processo di trascrizione non è molto preciso, o magari l’RNA viene alterato successivamente da enzimi che scambiano qualche nucleotide con un altro.

Non si conosce il momento in cui l’RNA perde l’informazione contenuta nel DNA, né tantomeno si sa quali effetti potrebbero avere queste modifiche sul risultato finale. Quel che è certo è che, in media, ogni persona ha 4000 geni che non vengono trascritti correttamente, e che la presenza di una G dove dovrebbe esserci una A è l’alterazione più frequente tra le 12 osservate. Per mettere a tacere i critici e gli scettici, il gruppo di Li è ora impegnato nel risequenziamento, in modo da escludere la possibilità che le differenze trovate siano da imputare semplicemente a errori tecnici.

Se questi dati fossero confermati, ci troveremmo di fronte a un meccanismo davvero bizzarro che avviene in ogni istante all’interno delle nostre cellule. Il nostro genoma è stato messo a punto in milioni di anni di evoluzione, e si suppone che rappresenti quindi il miglior manuale di istruzioni che siamo stati in grado di costruirci. Dunque perché perdere parte di quella preziosa informazione nel passaggio che va dal DNA alle proteine? Che senso ha? Non sappiamo quali possano essere le conseguenze di questi “errori”: forse l’RNA modificato viene degradato, o non viene tradotto in una proteina, o ancora porta alla sintesi di una proteina non funzionante. Al momento Li e colleghi non hanno risposte da dare, ma mi auguro che presto possano dirci qualcosa di più: se le nostre cellule sbagliano volutamente per qualche motivo, io sono curioso di saperlo.

Fonti: Nature News, ScienceNews

Altri link:

Image credit: Wikipedia

4 thoughts on “RNA ad alta infedeltà

  1. beh forse proprio per non essere un dogma totalmente corretto è in linea con la natura umana, che tutto si può dire tranne sia perfetta! inoltre il fatto che questo meccanismo sia “erroneo” rispetto all’informazione genica potrebbe portare a sintetizzare proteine diverse, inizialmente non previste ma magari più efficienti ed utili…e da qui potremmo passare a discutere di evoluzione, o no?!?

    • Questa è una bella domanda (come tutte le tue domande, del resto :-)). Sì, se fosse un meccanismo utile alla cellula potrebbe essere stato premiato dall’evoluzione! Certo, sarebbe davvero bizzarro che si sia preferito introdurre delle modifiche a valle piuttosto che mutare direttamente il codice genetico, seguendo la classica regola dell’evoluzione! Anche perché devo ancora capire se questi cambiamenti alla sequenza siano casuali o colpiscano sempre le stesse posizioni.. Stiamo a vedere quello che si scoprirà!🙂

  2. Il DNA , quando viene aperto funziona anche come un sistema antenna rice trasmittente che permette un controllo della sua espressione in relazioni alla apoptosi( = morte programmata delle cellule, che viene decisa in un rapporto di comunicazione simultanea in particolare con il DNA-Mitocondriale e con tutta una serie di enzimi ricettori di energie di informazione. Vedi :
    http://www.edscuola.it/archivio/lre/dna_come_antenna_biologica.htm
    http://www.wbabin.net/science/manzelli43.pdf
    Un cordiale saluto Paolo Manzelli ;LRE@UNIFI.IT ; http://www.edscuola.it/lre.html

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...