2010, un anno di…

…GENOMICA Non ci sono dubbi: la notizia dell’anno è stata l’ultimo eccezionale traguardo raggiunto da Craig Venter e dal suo team. Il batterio che il geniale (ed egocentrico) scienziato americano ha riprogrammato con un genoma sintetico è certamente il risultato tecnico più importante conseguito dalla scienza in questo 2010, almeno per quel che riguarda le scienze della vita. L’articolo pubblicato il 20 Maggio su Science ha acceso un dibattito di quelli che solo gli OGM sono stati in grado di scatenare; sono intervenuti un po’ tutti sulla questione, persino la Chiesa, principalmente per puntualizzare cos’è eticamente corretto e cosa non lo è.
Il 2010 è stato anche l’anno dell’uomo di Neanderthal, il cui genoma è stato pubblicato il 7 Maggio, sempre su Science, dal gruppo di Svante Paabo, ormai un punto di riferimento per gli studi sul DNA antico. In seguito all’analisi di questo genoma, molti si sono convinti che tra Homo sapiens e uomo di Neanderhal sia avvenuto uno scambio di materiale genetico.
Il 28 Ottobre sono arrivati sulle pagine di Nature i primi risultati del Progetto 1000 Genomi, grazie ai quali ora sappiamo che ognuno di noi porta dentro di sè circa 300 geni non funzionanti: fortunatamente, essendo diploidi, abbiamo due copie per ognuno dei nostri geni, altrimenti ci saremmo già estinti da un pezzo. Una grande scoperta del 2010 che ricorderemo in senso negativo è invece quella pubblicata su Science lo scorso 2 Dicembre: il famoso DNA a base di arsenico tanto pubblicizzato dalla NASA si è rivelato essere una mezza bufala, smascherata da alcuni scienziati 2.0 che dalle pagine dei propri blog hanno denunciato tutte le mancanze e gli errori metodologici del lavoro.
Per gli appassionati di genetica personale, comunque, quest’anno sarà ricordato per l’attacco sferrato dal governo americano e dalla Food and Drug Administration alle aziende che offrono test genetici direttamente al consumatore: il report del Government Accountability Office di Luglio sembrava aver messo una pietra tombale sulla genetica fai-da-te, ma la complessità del settore fa pensare che una regolamentazione definitiva sia ancora molto lontana.

…myGenomiX Al termine di questo 2010, mi viene naturale fare un bilancio del mio blog. Cominciamo col dire che sono immensamente soddisfatto di come sono andate le cose: innanzitutto le visite sono in continua crescita, e in secondo luogo proprio grazie a myGenomix ho avuto l’opportunità di scrivere per Galileo, Wired ed Estropico. Un’inaspettata fama che accolgo volentieri! Senza contare le tante persone interessanti che ho conosciuto quest’anno, e con cui ho potuto scambiare idee sulla genetica e la comunicazione scientifica.
Ma veniamo alle cose succulente: i dati! La sezione statistiche di WordPress mi dice che i referenti principali per il mio blog sono Facebook, Liquida e Twitter: non mi stupisce, vista la campagna pubblicitaria martellante che faccio quotidianamente sui social network! Anzi, mi sorprende più che altro che non mi abbiano ancora mandato a quel paese.
I cinque articoli più letti sono stati Alla scoperta dei miei nutrigeni, I successi della nutrigenetica: la dieta personalizzata funziona!, Next-next-generation sequencing: i nuovi protagonisti, Genomica DTC: myGenomiX propone la regola del semaforo e Sequenziamento DNA – Prima generazione (metodo Sanger). A quanto pare, ai miei lettori interessa molto la genetica applicata alla nutrizione: fate bene, perché è il settore dove i test genetici possono essere maggiormente utili per la nostra salute!
Sempre curiosando tra le statistiche, ho scoperto che i miei visitatori non utilizzano sempre chiavi di ricerca “normali” per arrivare al mio blog. Anzi, spesso le keyword sono davvero folli! Che ne dite di “Quanto è alto Ozzy Osbourne”? O di “Localizzare un cellulare”? Mi piacerebbe poi fare due chiacchere con il cultore del masochismo che ha cercato “farsi del male da soli”. O con il pornofilo interessato a “storie di sesso strano”. Il premio per la migliore parola chiave dell’anno, però, va a un’espressione alquanto enigmatica: “loro non ci svelano niente”. Credetemi, io non ho nulla da nascondere! Se sapessi qualcosa, ve lo svelerei.

I dieci post da ricordare:

Un grazie di cuore a tutti i miei lettori, fissi e occasionali.
Auguro a voi e alle vostre famiglie un entusiasmante 2011, ricco di tante belle novità!

2 thoughts on “2010, un anno di…

  1. Veramente un anno interessante. Adesso iniziamo un nuovo decennio, già per il 2011 i segni sono positivi per la maggiore parte.

    Congratulazioni per l’immenso progresso che hai fatto con il tuo blog, e grazie per il tuo blog! Ma fa anche piacere, ovviamente, che gli articoli sulla nutrizione e genetica sono stati i più letti.

    Auguri a te Moreno e tutti i tuoi lettori

    Keith

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...