Mille dollari per un genoma? Ok, il prezzo è giusto!

Il costo per sequenziare un genoma umano è in costante discesa: ma quando arriverà alla fatidica soglia dei 1000 dollari? Secondo la rivista Nature potrebbe accadere già quest’anno, ma non tutti la pensano allo stesso modo. Matthew Herper, ad esempio, non è d’accordo. Il giornalista americano scrive su Forbes che il prezzo della tecnologia non è l’unica variabile da tenere in considerazione: ci sono costi aggiuntivi che andrebbero comunque sostenuti da una persona che volesse leggere il proprio codice genetico al fine di trarne informazioni utili per la propria salute. Innanzitutto, il genoma dovrebbe essere sequenziato più volte per garantire un risultato accurato. Inoltre, c’è tutta una fase di elaborazione computazionale del dato che andrà a pesare sul prezzo finale, e ovviamente non va dimenticato il fatto che i medici che interpreteranno i dati genetici dovranno comunque essere pagati.

Tuttavia, secondo Daniel MacArthur, autore del blog Genetic Future, questi costi peseranno solo su quei pazienti che vorranno analizzare il proprio codice genetico tramite il sistema sanitario tradizionale. Esiste infatti un’alternativa a basso costo, per la quale il traguardo dei 1000 dollari sarà certamente raggiunto in breve tempo: è la genomica fai-da-te. Non tutti hanno 10mila dollari da spendere per richiedere a un medico l’interpretazione del proprio genoma: alcuni, particolarmente curiosi e volenterosi, vorrebbero interpretare da soli i propri dati genetici, se solo gliene fosse data la possibilità. E il bello è che questa possibilità esiste, secondo MacArthur. Ecco come funziona.

Il mondo è pieno di aziende disponibili ad analizzare un campione di saliva e a trasformarlo in una sequenza genomica completa: forse le opzioni scarseggiano in Italia, ma non negli Stati Uniti o in Asia. Una volta ottenuto il dato grezzo, bisognerà validarlo. Questo potrebbe essere fatto attraverso una società come la 23andMe, che sebbene non fornisca il genoma completo, produce comunque dati genetici utili per un controllo incrociato. Arriva quindi il momento più delicato, quello dell’interpretazione. Al momento i software utili in questo senso sono ancora a uno stadio embrionale (Promethease, Enlis Genomics), ma ci si aspettano grandi progressi in questo settore: un giorno, grazie anche al cloud computing, chiunque potrà esaminare il proprio genoma con il computer di casa. Nel caso in cui si scoprisse qualche variante genetica con un effetto considerevole, sarà poi opportuno rianalizzarla in modo mirato rivolgendosi a qualsiasi laboratorio che offra analisi commerciali di piccole regioni di DNA. E’ solo alla fine di questo percorso che l’appassionato di genomica fai-da-te si rivolgerà a un medico, e lo farà per un’unica ragione: capire quali cambiamenti apportare al proprio stile di vita, per contrastare le varianti genetiche dannose che avrà scoperto.

La genomica fai-da-te, così come viene presentata da MacArthur, sarà molto meno costosa: in questa modalità, un genoma umano potrà veramente essere sequenziato e interpretato per una cifra vicina ai 1000 dollari. Certo, non sarà un’analisi accurata come quella che si otterrebbe rivolgendosi a un medico, ma nell’attesa – forse eterna – che i costi si abbassino anche lì, la genomica fai-da-te è pur sempre un’opzione da tenere in considerazione. E non solo per ragioni economiche: secondo MacArthur in questo modo le persone si sentiranno più responsabilizzate, e acquisiranno una maggiore consapevolezza delle scelte che faranno per tutelare la propria salute.

Il mio personale punto di vista è che la genomica fai-da-te può essere una buona opzione per chi avesse l’entusiasmo e l’interesse di metterla in pratica. Il problema è che, almeno in Italia, questo interesse sembra scarseggiare nella gente comune: chi non è del settore preferisce comunque rivolgersi al proprio medico di fiducia, e delegare a lui questo genere di analisi. Gli appassionati che intraprenderebbero volentieri la strada del fai-da-te sono una piccola minoranza, almeno da quello che ho potuto constatare io. Vi chiedo però di smentirmi, rispondendo – nel caso non l’aveste ancora fatto – al sondaggio qui a fianco: ritenete fondamentale la consulenza di un medico per interpretare i risultati di un test genetico? Il sondaggio resterà attivo fino a giovedì, poi analizzeremo i risultati.

Annunci

2 pensieri su “Mille dollari per un genoma? Ok, il prezzo è giusto!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...