Obesità: la prevenzione inizia ancora prima della nascita

Secondo le stime dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, nel mondo ci sono 400 milioni di obesi, e 1,6 miliardi di persone sono sovrappeso. Alla base dell’obesità c’è la mancanza di equilibrio tra l’energia che introduciamo e quella che consumiamo, con un conseguente accumulo di tessuto adiposo nell’organismo. Quest’ultimo, in realtà, svolge un ruolo fondamentale in questo senso, dal momento che agisce come un bacino di attrazione per gli acidi grassi circolanti nel sangue, e impedisce che questi vadano in massa verso altri tessuti, dove quantità eccessive potrebbero avere effetti tossici. E’ stato ipotizzato che le conseguenze più gravi dell’obesità siano dovute proprio alla saturazione di questo sistema tamponante: è bene ricordare, infatti, che l’obesità non è solo un difetto estetico, ma una condizione a cui spesso sono associati disturbi molto seri, come il diabete di tipo II e le malattie cardiache.

Grazie agli studi di associazione su scala genomica (GWAS), molte variazioni genetiche sono state collegate al rischio obesità. Tra di esse la più famosa è senz’altro quella relativa allo SNP rs9939609 nel gene FTO: uno studio del 2007 che ha coinvolto quasi 40mila europei ha rivelato che avere una A in questo polimorfismo produceva in media un incremento di 1,2 chili nei soggetti eterozigoti (cioè con una sola copia della variante) e di 3 chili in quelli omozigoti (due copie). In alcuni casi le varianti sono intimamente legate all’ambiente e alla nostra nutrizione: il gene PLIN4, ad esempio, può presentarsi in una forma che predispone all’obesità, ma questa stessa variazione è in grado di portare, al contrario, a una riduzione del peso in seguito all’assunzione di acidi grassi Omega-3.

ResearchBlogging.org

Non sempre, però, il rischio obesità è scritto nei nostri geni, delle volte si trova “al di sopra” di essi (è questo infatti il significato letterale della parola “epigenetica”). Le alterazioni epigenetiche sono delle modifiche chimiche che accendono o spengono i geni senza cambiare la sequenza sottostante, regolando in questo modo la quantità di proteine prodotte. L’esempio più classico è quello della metilazione del DNA, cioè l’aggiunta di un gruppo metile alle citosine (C) che si trovano immediamente prima di una guanina (G). In un recente lavoro pubblicato sulla rivista Diabetes, ricercatori inglesi hanno scoperto che una modificazione di questo tipo davanti al gene RXRA può alzare il rischio obesità. Non solo: questa metilazione avviene prima ancora della nascita, nel ventre materno, e sembra sia determinata dalla dieta della madre durante la gravidanza.

Gli scienziati hanno analizzato il DNA estratto dai cordoni ombelicali di 78 neonati, al fine di individuare eventi di metilazione nelle regioni a monte di cinque geni candidati. Successivamente, quando i bambini avevano ormai 9 anni, hanno misurato la loro massa grassa, nel tentativo di evidenziare qualche correlazione con le modificazioni epigenetiche registrate alla nascita. Ebbene, per il gene RXRA questa correlazione c’era ed era anche piuttosto significativa: circa il 26% della variabilità nella massa grassa dei bimbi poteva essere spiegata da un evento di metilazione davanti a questo gene. I ricercatori hanno individuato anche un’altra sorprendente correlazione, quella che legava lo stato di RXRA all’alimentazione della madre durante la gravidanza, e in modo particolare alla quantità di carboidrati ingeriti con la dieta. Le mamme che avevano una dieta più povera in carboidrati tendevano ad avere figli con la metilazione del gene RXRA, e quest’ultima a sua volta portava i bambini ad essere più grassi una volta cresciuti.

Questa scoperta rientra in quella teoria secondo la quale il feto è in grado di percepire il mondo esterno attraverso i messaggi biochimici che provengono dalla madre, e risintonizzarsi di conseguenza: in effetti, fin dagli anni 70 si sa che la scarsità di cibo in gravidanza aumenta il rischio obesità da adulti. E’ come se il nostro organismo calibrasse il proprio metabolismo sulla base delle informazioni che riceve nel grembo materno, informazioni che potrebbero però contrastare con ciò che incontrerà una volta venuto al mondo e diventato adulto.

Certo questo studio è limitato, ma suggerisce un concetto forte e chiaro: la dieta e lo stile di vita tenuti da una mamma in dolce attesa possono influire sul proprio bambino in modo significativo, anche con effetti a lungo termine. Un embrione che si sviluppa può seguire “traiettorie” leggermente diverse a seconda dei segnali e dei messaggi che riceve dall’esterno, e queste traiettorie possono manifestare il proprio effetto fenotipico persino a distanza di anni. Se sapessimo di più dell’intimo legame che unisce una madre e il suo bambino, anche a livello (epi)genetico, avremmo tra le mani un formidabile strumento di prevenzione: lo stile di vita e l’alimentazione in gravidanza potrebbero infatti essere ottimizzati in modo da regalare al nascituro una vita più sana possibile.

Fonte: M.Colaiacovo – Estropico Blog

Image credit: Bekah267, skyseeker


Godfrey, K., Sheppard, A., Gluckman, P., Lillycrop, K., Burdge, G., McLean, C., Rodford, J., Slater-Jefferies, J., Garratt, E., Crozier, S., Emerald, B., Gale, C., Inskip, H., Cooper, C., & Hanson, M. (2011). Epigenetic Gene Promoter Methylation at Birth Is Associated With Child’s Later Adiposity Diabetes DOI: 10.2337/db10-0979

Alla scoperta dei miei nutrigeni

Negli Stati Uniti e in Inghilterra i test genetici sono un argomento che interessa moltissimo la gente, ne è la prova il fatto che di recente alcuni blogger e giornalisti scientifici hanno deciso di commentare online i loro stessi risultati, ottenuti grazie ai servizi offerti dalle più note aziende di personal genomics. Ed Yong, che cura il blog Not Exactly Rocket Science, è stato testato dalla 23andMe e trovate il suo commento qui. Mark Henderson, invece, si è rivolto sia all’azienda californiana sia alla deCODEme, ma potrete leggere i suoi articoli solamente abbonandovi al Times. Per non essere da meno, anche io voglio comunicarvi quello che ho appreso dal test NutriGENE che ho effettuato di recente: sono soltanto una ventina di geni legati alla nutrizione, ma mi hanno comunque dato informazioni importanti.

INTOLLERANZE L’intolleranza al lattosio è un disturbo molto comune in Italia, dove si stima che il 70% circa delle persone possieda un genotipo CC nel polimorfismo rs4988235 del gene della lattasi. Avere una C in entrambi gli alleli provoca infatti serie difficoltà nella scissione del lattosio nei due monosaccaridi (glucosio e galattosio) che lo compongono. Fortunatamente, è sufficiente avere una T in uno dei due alleli per avere un buon rapporto con latte e derivati. Il mio genotipo CT esclude quindi la possibilità che sia intollerante al lattosio, il che non mi sorprende dato che non ho mai avuto questo problema. Non mi è andata altrettanto bene con un’altra forma di intolleranza, la celiachia: dal risultato del mio test è emerso che ho l’aplotipo DQ2 nel mio complesso maggiore di istocompatibilità. Questo genotipo aumenta la possibilità che possa soffrire del morbo celiaco: più precisamente, mentre nella popolazione generale l’incidenza è dell’1% circa, nel sottogruppo di persone con questo aplotipo la percentuale è quasi del 3%. Avere una predisposizione per questa intolleranza, però, non significa che mi ammalerò certamente, anzi, il rischio resta comunque molto basso. Qualcuno potrebbe chiedersi quale sia l’utilità del test, allora, dal momento che non esiste neppure una strategia di prevenzione efficace che abbassi il rischio. L’utilità c’è, invece, ed è che se un giorno dovessi avere qualche sintomo la celiachia sarà una delle prime ipotesi che valuterò con il mio medico: non è affatto un discorso banale, se considerate che spesso un paziente soffre per molto tempo, prima che l’intolleranza al glutine venga diagnosticata.

COLESTEROLO Il test NutriGENE analizza tre geni che possono influire sui livelli di colesterolo: APOC3, LPL ed ADH1C. Il mio gene APOC3 presenta un genotipo CC nel polimorfismo rs5128: ciò mi tranquillizza, perchè questo genotipo (presente nel 93% della popolazione europea) non è associato ad alti livelli di colesterolo LDL e di trigliceridi. Tuttavia, il mio genotipo CC nel gene LPL (rs328) mi porta ad avere meno colesterolo “buono” (HDL) e più trigliceridi. Fortunatamente, grazie al genotipo AG nel gene ADH1C (Ile349Val), ho da giocare una carta importante in questa battaglia: posso trarre infatti beneficio dal bere alcool in quantità moderate, in quanto la presenza della valina è correlata a livelli più alti di colesterolo buono in seguito all’assunzione di alcolici. Ovviamente, non devo esagerare perché con questo enzima metabolizzo l’alcool più lentamente.

PIU’ PALESTRA, MENO GRIGLIATE Uno dei suggerimenti che mi dà il mio report è di ridurre i carboidrati (in particolare gli zuccheri raffinati) e di fare esercizio fisico, almeno 45 minuti al giorno. Il motivo risiede nei miei geni PPARG e ACE. Il gene PPARG regola il deposito degli acidi grassi e il metabolismo del glucosio, e avere un genotipo CG nel polimorfismo rs1801282 (come nel mio caso) produce due effetti. Da una parte, ho una protezione contro il diabete di tipo 2, dall’altra sono più rapido a convertire gli zuccheri in grasso, il che si può tradurre in qualche chilo di troppo. Persino il mio gene ACE, con la mia doppia delezione nell’indel rs4646994, mi suggerisce di ridurre il carico glicemico aumentando le fibre e diminuendo gli zuccheri raffinati. Insomma, l’imperativo è iscriversi in palestra e mangiare meno pastasciutta. NutriGENE mi ha anche testato il gene CYP1A2, enzima del citocromo P450 che è coinvolto nella rimozione delle tossine contenute nei cibi. Sono AA per il polimorfismo rs762551, il che significa che ho un enzima molto efficiente. Devo quindi ridurre il consumo della carne grigliata, perché con questa forma di cottura si generano tossine cancerogene che, a causa del mio enzima rapidissimo, vengono immediatamente attivate. Per periodi come l’estate, dove le grigliate sono molto frequenti, il consiglio è di compensare assumendo molti antiossidanti: il suggerimento è doppiamente valido, perché dal test genetico è emerso anche un enzima SOD2 poco presente nel citoplasma. Questa proteina, che rappresenta la prima linea di difesa dell’organismo contro i radicali liberi, è associata infatti a un polimorfismo (rs4880) che determina la localizzazione cellulare dell’enzima: l’allele C “spinge” l’enzima nei mitocondri, l’allele T gli permette di circolare nel citoplasma e ne aumenta quindi l’attività antiossidante complessiva. Avendo un genotipo CT, mi trovo in una situazione intermedia e ho bisogno di integrare la mia dieta con vitamina A, C ed E.

Sono felice di aver fatto il test NutriGENE: ho imparato molte cose su me stesso che prima non sapevo, e che mi saranno molto utili per seguire una dieta e uno stile di vita più adatti al mio codice genetico. Non posso che consigliarvi di fare altrettanto, oltre a NutriGENE esistono numerose aziende che offrono test di nutrigenetica e nutrigenomica, e molte di esse le conoscerete anche leggendo il mio blog. Per ora vi do solo un consiglio: siate sempre critici, chiedete più informazioni possibili e non lasciatevi abbindolare dai soggetti che fanno promesse esagerate. Come regola generale, le società più trasparenti sono anche le più affidabili.