Elezioni europee: politica e scienza a confronto

DS_sfondochiaroManca pochissimo alle elezioni europee, e i leader dei principali partiti politici si fronteggiano ormai quotidianamente nelle piazze e sui media, lanciandosi frecciatine velenose e tentando di screditare l’avversario con polemiche spesso sterili. Come da tradizione, infatti, anche questa campagna elettorale vive più di attacchi personali tra i leader che non di un confronto serio sui programmi e sulle strategie europee delle diverse forze politiche. Fortunatamente, c’è qualcuno che prova a dare un senso a queste elezioni. Il sondaggio “Voi siete qui” dell’associazione Open Polis, ad esempio, è un’iniziativa pregevole, perché consente di avere un’idea precisa dei posizionamenti delle varie liste su temi di rilevanza nazionale ed europea, annullando il rumore di fondo e dando pari dignità a tutti gli attori in gioco. Al netto delle polemiche, tu elettore, con le tue idee e le tue convinzioni, da che parte stai? Con il quiz di Open Polis è possibile scoprirlo.

Se invece sei maggiormente interessato a questioni riguardanti la scienza e la ricerca, non hai molte alternative. I partiti parlano pochissimo di queste cose, non hanno presa sull’elettorato e non portano voti. Un cittadino particolarmente volenteroso ha passato in rassegna tutti i candidati delle diverse circoscrizioni, alla ricerca di personaggi interessanti per le posizioni espresse in merito a biotecnologie e sperimentazione animale. Ma se volete conoscere il punto di vista ufficiale dei partiti in gara su temi di rilevanza scientifica, non potete che rivolgervi a Dibattito Scienza (e qui mi faccio un po’ di pubblicità, in quanto fondatore e coordinatore di questa iniziativa). Come alle ultime elezioni politiche, il gruppo nato due anni fa ha posto alcune domande a tutti i partiti candidati, interrogandoli su OGM, ambiente, energia, sperimentazione animale e vaccini. Trovate tutte le domande e le risposte pervenute sul sito di Dibattito Scienza e su quello della rivista Le Scienze, che promuove il progetto fin dalle origini. In questa sede (sperando di non annoiarvi) vorrei fare alcune considerazioni generali e qualche commento più specifico entrando nel merito delle diverse risposte.

Da un punto di vista generale, è interessante notare che ancora una volta – era già successo con le elezioni politiche – il centro-destra di matrice berlusconiana è il grande assente. Né Forza Italia, né gli ex alleati di Nuovo Centro Destra, UDC, Lega Nord e Fratelli d’Italia hanno risposto al questionario, che riguardava la normativa sugli OGM, le politiche ambientali ed energetiche, la sperimentazione animale e il programma europeo sui vaccini. Altro grande assente è il Movimento Cinque Stelle, che decide di non aderire all’iniziativa dopo il pasticcio delle ultime politiche. Insomma, gli unici a non mancare mai all’appello sono il PD e Fare per Fermare il Declino, ai quali questa volta si aggiunge la lista dei Green Italia – Verdi Europei. Il successo dell’iniziativa dipende in gran parte dal numero di risposte ricevute, ovviamente, ma credo sia importante sottolineare che in casi come questo, una non-risposta vale come una risposta. Denota scarso interesse nei confronti della scienza, se non in assoluto quanto meno rispetto ad altre questioni ritenute prioritarie. So bene che le campagne elettorali sono impegnative per chi vi partecipa in prima linea, ma non riesco a credere che partiti con una struttura e un’organizzazione consolidata non riescano a trovare il tempo e le persone per rispondere a cinque domande tutto sommato neanche troppo difficili. Perciò, la prima cosa da dire è: bravi PD, Fare e Verdi, indipendentemente da tutto. Ma entriamo nel merito delle risposte.

La prima domanda riguardava la normativa vigente sulle colture OGM, e l’opportunità o meno di modificarla ampliando l’autonomia degli Stati Membri. Cominciamo dicendo che nelle risposte non si rilevano castronerie scientifiche evidenti (niente fragola-pesce, per intenderci). L’avversione nei confronti degli OGM da parte di PD e Verdi sembra motivata più da ragioni economico-sociali e dalla volontà di venire incontro ai bisogni dei cittadini, che non da motivazioni più o meno strampalate di natura ambientale o sanitaria. Certo, non si può dire che la popolazione europea sia stata correttamente informata sull’argomento in tutti questi anni, ma sorvoliamo. Una cosa però è sicura: chiedere addirittura che l’intera Europa sia OGM-free, come fanno i Verdi, è francamente esagerato e ingiustificato da un punto di vista scientifico. Al contrario, la risposta di Fare per Fermare il Declino – favorevole agli OGM – è ben documentata e articolata, anche se perde clamorosamente in chiarezza proprio sul finale. Risulta infatti poco comprensibile la volontà, in ottica federalista, di dare libertà di scelta agli Stati Membri, quando fino a poche righe prima si elogiava la normativa attualmente in vigore, che prevede una gestione “centralizzata” della questione OGM.

La domanda sulle emissioni di CO2 mette tutti d’accordo su un punto: ridurre le emissioni è cosa buona e giusta. Non mancano ovviamente le sfumature: il PD sembra soddisfatto della linea intrapresa dall’Europa, i Verdi vorrebbero imporre obiettivi ancora più ambiziosi, mentre Fare è più cauta e ritiene che i produttori di automobili dovrebbero comunque avere voce in capitolo sulla questione. Tutti e tre i partiti sono convinti della necessità di spostare il traffico merci da gomma a rotaia, anche se poi, nel caso dei Verdi, questo obiettivo contrasta un po’ con l’opposizione nei confronti della TAV. In generale, sembra che PD e Verdi considerino il tema ambientale come prioritario, mentre Fare è più attento alle ripercussioni che le misure anti-CO2 (positive e negative) stanno avendo sull’industria e sull’economia del continente.

Considerando più globalmente la strategia energetica europea, il PD e i Verdi sono concordi nel chiedere obiettivi più ambiziosi rispetto a quelli proposti dalla Commissione. Fare, al contrario, frena bruscamente sulle energie rinnovabili: da buoni liberisti, ritengono che non si debba forzare il mercato verso un tipo di fonte energetica piuttosto che un’altra, e preferiscono misure meno invadenti come una carbon tax onnicomprensiva. Sull’argomento sarebbe interessante assistere a un confronto tra il partito di Boldrin e i Verdi, che nella loro risposta attaccano in modo molto diretto i “difensori dello status quo”, accusati di essersi avvantaggiati per anni degli stessi sussidi che ora sono rinfacciati ai produttori di rinnovabili. Un altro punto importante che differenzia i partiti è la consapevolezza di avere a che fare con un problema mondiale: il PD sa di dover andare a trattare con Stati Uniti, Cina e gli altri grandi produttori di gas serra; un po’ come Fare per Fermare il Declino, che però pone addirittura questo accordo come conditio sine qua non per perseguire la strategia energetica europea.

Sulla quarta domanda, la risposta dei Verdi farà la felicità delle associazioni animaliste. Con il richiamo all’iniziativa Stop Vivisection e la richiesta di assegnare i fondi europei soltanto ai progetti di ricerca che non fanno uso di animali, la lista ecologista non lascia proprio dubbi sulla sua posizione. Altrettanto netta, ma in senso opposto, è la posizione di Fare, mentre il PD appare incerto e timoroso di sbilanciarsi troppo. D’altra parte, in occasione delle precedenti domande di Dibattito Scienza, il candidato premier Pierluigi Bersani si era schierato decisamente a favore della sperimentazione animale, poi però il partito non oppose molta resistenza davanti alle restrizioni introdotte dal Parlamento nel recepimento della direttiva UE. Insomma, su questo punto pare che il PD non abbia ancora deciso da che parte stare. Infine, i vaccini. Mentre i Verdi hanno preferito non rispondere, non avendo una posizione unitaria sul tema, PD e Fare danno risposte molto simili e fortunatamente vicine al punto di vista della comunità scientifica.

In conclusione, siamo di fronte a una politica ancora distante dal mondo della scienza, come confermano le poche risposte ricevute. E anche tra chi ha risposto, si percepisce l’esistenza di “forze” che i partiti sentono come prioritarie rispetto alla razionalità e alle evidenze scientifiche: la demagogia tende a prendere il sopravvento nei partiti di sinistra, soprattutto per quanto riguarda gli OGM e la sperimentazione animale; l’economia sembra essere invece la priorità assoluta per i liberisti, talvolta anche a costo di danneggiare l’ambiente. In altre parole, benché in alcune risposte si intravedano razionalità e buon senso, resta forte la sensazione che la scienza sia troppo spesso strumentalizzata per dare credito a questa o quella ideologia politica. Si può migliorare questa situazione? Forse sì, ma il cambiamento deve partire innanzitutto da noi cittadini, che dobbiamo essere più esigenti nei confronti della classe politica, iniziare a fare domande scomode e a pretendere risposte precise e puntuali. Forse allora anche i politici capiranno che la scienza va presa sul serio.

Articolo pubblicato su iMille.org

Annunci

Pillole di scienza dal discorso di Enrico Letta

enrico-letta (1)Nel suo primo, lungo discorso, il nuovo Presidente del Consiglio Enrico Letta ha parlato di lavoro, economia e riforma delle istituzioni, ma ad un certo punto ha passato in rassegna anche alcune tematiche che toccano da vicino la scienza, pur senza mai nominarla esplicitamente. D’altra parte è inevitabile: le conquiste della ricerca scientifica, con le sue scoperte e le sue applicazioni tecnologiche, influiscono pesantemente sulla società moderna, come sanno bene i membri del gruppo Dibattito Scienza, che quotidianamente hanno modo di discutere e commentare eventi e notizie che mettono in stretto contatto la ricerca scientifica e la società italiana. Vi riporto quindi i passaggi del discorso programmatico di Letta in cui si accenna a questioni che in qualche modo hanno a che fare con la scienza.

Scuola e Università – Il nuovo Ministro del MIUR Maria Chiara Carrozza (PD) dovrà lavorare molto su questi punti, e l’ex-rettore della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa sembra già avere le idee chiare. Per Enrico Letta, l’istruzione dei giovani è una priorità: “La società della conoscenza e dell’integrazione si costruisce sui banchi di scuola e nelle università. Dobbiamo ridare entusiasmo e mezzi idonei agli educatori che in tante classi volgono il disagio in speranza e dobbiamo ridurre il ritardo rispetto all’Europa nelle percentuali di laureati e nella dispersione scolastica.” Il concetto di uguaglianza sociale – valore di sinistra per eccellenza – viene espresso con chiarezza dal Presidente del Consiglio, anche quando si parla di istruzione universitaria: “In Italia c’è una nuova questione sociale, segnata dall’aumento delle disuguaglianze. Solo il 10% dei giovani italiani con il padre non diplomato riesce a laurearsi, mentre sono il 40% in Gran Bretagna, il 35% in Francia, il 33% in Spagna. Bisogna finalmente dare piena attuazione all’art. 34 della Costituzione, per il quale “i capaci e meritevoli, anche se privi di mezzi, hanno il diritto di raggiungere i gradi più alti degli studi”. L’uguaglianza più piena e destinata a durare nelle generazioni è oggi più che mai l’uguaglianza delle opportunità.” A onor del vero, come dimostrato dall’efficientissimo staff di Pagella Politica, le percentuali reali sono un po’ più basse: in Italia siamo al 9%, mentre gli altri Paesi citati – pur andando meglio di noi – sono comunque sotto il 30%.

Ricerca e Innovazione – Toccherà invece all’ex-sindaco di Padova Flavio Zanonato (PD), neo-Ministro dello Sviluppo Economico dare attuazione agli ambiziosi progetti di Letta per quanto riguarda la ricerca e lo sviluppo delle imprese italiane. “Per rilanciare il futuro industriale del Paese, bisogna scommettere sullo spirito imprenditoriale e innovare e investire in ricerca e sviluppo. Per questo intendiamo lanciare un grande piano pluriennale per l’innovazione e la ricerca, finanziato tramite project bonds. La ricerca italiana può e deve rinascere nei nuovi settori di sviluppo, come ad esempio l’agenda digitale, lo sviluppo verde, le nanotecnologie, l’aerospaziale, il biomedicale. Si tratta di fare una politica industriale moderna, che valorizzi i grandi attori ma anche e soprattutto le piccole e medie imprese che sono e rimarranno il vero motore dello sviluppo italiano.”

Ambiente ed Energia – Quando il discorso di Letta vira sulla questione energetica, entrano inevitabilmente in gioco anche il nuovo Ministro dell’Ambiente Andrea Orlando (PD) e il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Maurizio Lupi (PDL). Dice Letta: “Oltre all’alta tecnologia bisogna investire su ambiente ed energia. Le nuove tecnologie – fonti rinnovabili ed efficienza energetica – vanno maggiormente integrate nel contesto esistente, migliorando la selettività degli strumenti esistenti di incentivazione, in un’ottica organica con visione di medio e lungo periodo. Sempre con riguardo ai settori energetici, va completato il processo di integrazione con i mercati geografici dei Paesi europei confinanti. Questo implica, per l’energia elettrica, il completamento del cosiddetto market coupling e, per il gas, il completo riallineamento dei nostri prezzi con quelli europei e la trasformazione del nostro Paese in un hub. E’ chiaro che episodi come quello dell’ILVA di Taranto non sono più tollerabili.”

Sarà interessante vedere all’opera anche gli altri Ministri che in un modo o nell’altro dovranno fare i conti con la scienza. Penso ad esempio al Ministro dell’Agricoltura Nunzia De Girolamo (PDL) o al Ministro della Salute Beatrice Lorenzin (PDL). Quale sarà l’atteggiamento della De Girolamo nei confronti degli OGM? E come si comporterà invece la Lorenzin, quando dovrà trattare questioni delicate come le terapie prive di validità scientifica? Ad agricoltura e salute, Letta dedica giusto dei rapidissimi accenni (uno in particolare riguarda la prevenzione dell’obesità attraverso la pratica sportiva), ma sono sicuro che questi settori avranno un ruolo rilevante nell’esperienza di governo che sta iniziando. Non ci resta che stare a vedere!

I miei articoli su OK Salute

Sono felice di annunciare che da oggi il mio blog avrà una vetrina in più – e che vetrina! Sono stato invitato a collaborare con la rivista “OK – La salute prima di tutto”, o meglio con il sito internet ad essa associato. D’ora in poi, i post che la redazione di OK Salute riterrà più interessanti appariranno a questo indirizzo internet, dove vengono raccolte le “voci della rete” sul tema della salute. E’ già stato pubblicato un mio post!

Vi invito a dare un’occhiata, perché i contenuti mi sembrano davvero di ottima qualità. E inoltre ho molta stima di quelle riviste che non si fossilizzano sui vecchi schemi criticando i nuovi media, ma che cercano piuttosto di interagire con essi. Per me è una grande opportunità, cercherò di meritarmela!

Nutrigenetica a Jesi

Ricevo la segnalazione di un interessante meeting che si svolgerà questo sabato a Jesi (AN) dal titolo “Un’agenda 2011 per la salute della donna”, dove si parlerà anche di nutrigenetica. L’incontro si terrà al Circolo Cittadino (Via XX Settembre 2) presso la Sala del Lampadario, a partire dalle ore 17. Questo il programma:

Apertura lavori: saluti dalle autorità FIDAPA (Rossella Poce, Anna Teresa Olivieri, Antonella Ricci)
17:00 Introduzione: il ruolo del MMG nel promuovere la salute (della donna) (F. Borromei)
17:15 Il benessere della donna nelle varie età della vita e la possibilità di costruire un'”Agenda di salute” (A.L. Tranquilli)
17:30 Stile di vita ed attività motoria nella salute della donna (V. Stocchi)
17:45 Alimentazione e salute: il ruolo della nutrigenetica (G.Ferretti)
18:00 I costi della salute contro i costi della malattia: quali soluzioni per gestire i costi? (M.S. Chiucchi)
18:15 Interventi di esperte FIDAPA sul tema della giornata (F. Carle, M. Del Pesce, L. Mazzanti, T. Bacchetti, L. Saturni)
18:45 Discussione aperta con il pubblico
19:15 Chiusura dei lavori

A parlare di nutrigenetica ci sarà Gianna Ferretti, docente di biochimica presso l’Università Politecnica delle Marche e autrice dei blog Trashfood e Nutrimenti. Se siete dalle parti di Jesi sabato pomeriggio siete caldamente invitati a partecipare!

Test genetici a impatto zero

Genomica direct-to-consumer: apprezzata e osannata da alcuni, criticata e derisa da altri. Quando si parla di test genetici venduti direttamente al consumatore non ci sono mai vie di mezzo: troppo spesso si esprimono opinioni per partito preso, senza fare una vera analisi del problema sotto tutti gli aspetti sociali e medico-scientifici in gioco. Uno studio dello Scripps Translational Science Insitute guidato da Eric Topol prova ora a fare un po’ di luce su alcuni di questi aspetti, e i risultati sono a prima vista sorprendenti.

ResearchBlogging.org

Più di 2000 persone sono state invitate ad acquistare a prezzo scontato il test Health Compass dell’azienda di genomica personale Navigenics, grazie al quale avrebbero potuto conoscere il proprio rischio di ammalarsi di oltre 20 malattie, tra cui diabete, Alzheimer, obesità e diversi tipi di cancro. Prima di inviare il campione di saliva ai laboratori che avrebbero eseguito le analisi, i partecipanti hanno compilato un lungo questionario volto a registrare abitudini alimentari e stile di vita prima del test. E’ stato inoltre misurato, attraverso un’apposita scala, anche il loro livello di ansia.

Alcuni mesi dopo aver ricevuto i risultati sotto forma di un voluminoso report di 90 pagine, i partecipanti hanno compilato un secondo questionario che aveva lo scopo di evidenziare eventuali cambiamenti dello stile di vita o del livello di ansia: cambiamenti che non ci sono stati. Sembra infatti che il 90% circa delle persone testate abbia accolto i risultati serenamente, senza che questi provocassero alcun tipo di stress: un punto a favore della aziende direct-to-consumer! A dispetto di quanto sostengono i detrattori, la gente non soffre di problemi psicologici nel conoscere il proprio rischio di ammalarsi di gravi malattie, ed è in grado per così dire di affrontare la verità. La genomica DTC fallisce però uno dei suoi obiettivi principali: stimolare i suoi clienti a migliorare il proprio stile di vita. Nessun cambiamento rilevante è stato infatti registrato nel periodo di follow-up: non è cambiata né la dieta né la quantità di esercizio fisico. Insomma, se ne parla tanto, ma alla fine questi test sono per così dire a impatto zero, senza benefici ma nemmeno spiacevoli effetti collaterali.

Ci sono altri dati interessanti, comunque. Il 10% dei partecipanti ha dichiarato nel secondo questionario di aver discusso i propri risultati con un consulente genetico di Navigenics, mentre il 26% si è rivolto al proprio medico: in nessuno dei due casi la consulenza ha prodotto effetti positivi sul livello di ansia; parlare con il medico, però, ha influito positivamente su dieta e stile di vita. Circa la metà dei soggetti, infine, ha espresso l’intenzione di sottoporsi in futuro a esami medici più frequenti, mostrando quindi di avere comunque a cuore la propria salute, sebbene manchi la volontà di mangiare più sano o fare più esercizio fisico.

Come interpretare questi risultati? Il fatto che i test genetici non abbiano convinto le persone a cambiare le proprie abitudini in realtà non mi stupisce: generalmente una singola variante genetica non alza di molto il rischio di ammalarsi. Sarà interessante rifare questo studio tra qualche anno, quando le predizioni basate sul genoma saranno più affidabili: sono convinto che le persone saranno da un lato più propense a cambiare il proprio stile di vita, dall’altro maggiormente turbate dai risultati. Il modo di dire “la coperta è corta” è particolarmente adatto a spiegare l’essenza della medicina predittiva: un test genetico è utile solo quando è altamente predittivo, ma un test del genere potrebbe potenzialmente creare reazioni ansiose nel caso di risultati negativi; d’altra parte, test con scarso potere predittivo (come quelli attuali) provocano meno stress, ma sono anche meno utili. Non è possibile raggiungere un equilibrio tra questi due estremi, è evidente che la strada da seguire è una sola: perfezionare sempre di più l’efficacia di questi test, migliorando le nostre conoscenze sulle basi genetiche delle malattie e sulle interazioni con l’ambiente. Quello che possiamo e dobbiamo fare è mettere a punto delle strategie di prevenzione che funzionino: soltanto con queste si riuscirà ad annullare l’effetto psicologico negativo di scoprire il proprio rischio di ammalarsi di una malattia terribile. Purtroppo, ho l’impressione che si stia facendo troppo poca ricerca in questo senso, ma spero di sbagliarmi.


Bloss CS, Schork NJ, & Topol EJ (2011). Effect of Direct-to-Consumer Genomewide Profiling to Assess Disease Risk. The New England journal of medicine PMID: 21226570

Nutrigenomica a Roma

C’è una buona notizia per chi abita nei dintorni di Roma ed è interessato alla genetica applicata alla nutrizione. Questa domenica (ore 11) all’Audiorium Parco della Musica si terrà un incontro dal titolo Quando la prevenzione comincia a tavola: la nutrigenomica, al quale interverrà anche Umberto Veronesi. Ecco la descrizione dell’evento così come riportata sul sito della Fondazione Umberto Veronesi.

La relazione fra cibo e geni, cioè come ciascuno di noi reagisce agli alimenti e come questi influenzano la comparsa di malattie: è questo il campo di indagine della nutrigenomica, la scienza che indaga come combinare il profilo genetico individuale con i cibi, per definire un’alimentazione protettiva o addirittura terapeutica. Ne parleranno, per il terzo appuntamento del ciclo “Salute: sapere per scegliere” Umberto Veronesi, Chiara Tonelli e Lucilla Titta. Moderati da Margherita De Bac de Il Corriere della Sera.

16 gennaio 2011
Auditorium Parco della Musica Ore 11.00
Biglietti: 5 Euro

Veronesi, ovviamente, non ha bisogno di presentazioni. Due parole invece sugli altri speaker dell’incontro. Chiara Tonelli è una genetista vegetale dell’Università di Milano (qui potete leggere una sua intervista in cui appoggia l’uso degli OGM). Lucilla Titta è invece una ricercatrice che si occupa di studiare l’interazione tra alimentazione e salute umana (in questo articolo spiega la sua ricerca sull’effetto protettivo del succo d’arancia nell’obesità).