RSS

La dieta del gruppo sanguigno non funziona

17 gen

ResearchBlogging.orgAvrete sicuramente sentito parlare della dieta del gruppo sanguigno. Inventata dal naturopata Peter D’Adamo nel 1996, raggiunse un successo planetario grazie al libro “Eat right for your type” che ha venduto oltre 7 milioni di copie. Secondo la teoria sviluppata da D’Adamo e poi ripresa anche da alcuni nutrizionisti italiani, l’alimentazione di ciascun individuo dovrebbe essere personalizzata in relazione al gruppo sanguigno: il gruppo 0 è considerato il gruppo più antico, perciò i suoi possessori dovrebbero seguire una dieta ricca di proteine di origine animale, come quella dei nostri antenati cacciatori-raccoglitori; il gruppo A invece è associato alla nascita dell’agricoltura, ne consegue che queste persone dovrebbero seguire una dieta vegetariana; chi è del gruppo B dovrebbe mangiare più latticini; gli AB, invece, possono mangiare un po’ di tutto, con moderazione. Gli autori dello studio che commento in questo post hanno realizzato un grafico che descrive molto bene la proporzione dei diversi alimenti nei quattro casi.

Blood Type Diet

Nei confronti di questa bizzarra teoria c’è sempre stato molto scetticismo. Comprensibile: sembra improbabile che il solo gruppo sanguigno di una persona possa influenzare in modo così forte le sue necessità nutrizionali. Gli studi di nutrigenetica ci insegnano che il DNA ha un peso in questo senso, ma le variazioni genetiche che contano sono numerose, interagiscono tra loro e soprattutto sono spesso a carico di enzimi del metabolismo. Nel caso del gruppo sanguigno, si tratta invece di due SNP (rs8176719 e rs8176746) all’interno di un unico gene, il gene ABO. E benché il gruppo sanguigno sia stato in passato associato a varie malattie, in letteratura non si trova quasi nulla riguardo al suo ipotetico effetto sulla risposta dell’organismo alla dieta seguita. D’altra parte, risulta difficile pensare che esistano solo quattro diete ottimali per tutta la popolazione, quando le componenti di una sana alimentazione sono moltissime e tutte potenzialmente legate a fattori genetici.

bloodtypefoodSe prima era lecito sospettare che questa dieta non funzionasse, oggi ne abbiamo la dimostrazione. Lo prova uno studio pubblicato sulla rivista PLoS ONE e condotto dal gruppo di Ahmed El-Sohemy, dell’Università di Toronto. Come prima cosa, i ricercatori hanno compilato, per ognuna delle quattro diete, una tabella dove a ciascun alimento era associato un punteggio positivo se questo era previsto dalla dieta e un punteggio negativo se era invece in contrasto con essa (pdf). Dopodiché, hanno chiesto a circa 1500 persone di descrivere la loro alimentazione nel corso di un mese, e hanno quindi calcolato con l’aiuto della tabella un punteggio che descrivesse in che misura la dieta del singolo partecipante fosse in linea con ciascuno dei quattro regimi alimentari proposti da Peter D’Adamo. Infine, hanno misurato una serie di parametri quali l’indice di massa corporea, la pressione, il colesterolo o la glicemia, tutti fattori di rischio cardiometabolico. I risultati hanno mostrato che seguire la dieta di tipo A o di tipo AB può avere effetti benefici per quasi tutti i valori considerati. La dieta di tipo 0 riduce i trigliceridi, mentre la dieta di tipo B è quella meno vantaggiosa. La cosa interessante, però, è che questi vantaggi si verificano indipendentemente dal gruppo sanguigno. Classificando i partecipanti in funzione del loro gruppo, infatti, non emergevano particolari differenze tra chi seguiva la “propria” dieta e chi no. Questo accadeva con tutte e quattro le diete considerate.

Questo studio boccia definitivamente una teoria fantasiosa, che in realtà era già stata messa in discussione da altri lavori precedenti. Ad esempio, a D’Adamo è stato contestato il fatto di aver considerato come gruppo sanguigno ancestrale il gruppo 0, quando invece analisi filogenetiche sembrano propendere per il gruppo A. Ovviamente, tra i miei lettori ci sarà anche qualcuno che dirà: “Eppure con me ha funzionato!”. La spiegazione è semplice: come dimostrato dal lavoro di El-Sohemy, gli effetti positivi di queste diete ci sono (soprattutto per quelle di tipo A e AB), ma non hanno niente a che vedere con il gruppo sanguigno di chi decide di seguirle.


Jingzhou Wang, Bibiana García-Bailo, Daiva E. Nielsen, & Ahmed El-Sohemy (2014). ABO Genotype, ‘Blood-Type’ Diet and Cardiometabolic Risk Factors PLoS ONE : 10.1371/journal.pone.0084749

About these ads
 
4 commenti

Pubblicato da su 17 gennaio 2014 in Business, Genetica personale, Nutrizione, Salute, Scienza

 

Tag: ,

4 risposte a “La dieta del gruppo sanguigno non funziona

  1. maxking21

    3 aprile 2014 at 21:01

    La dieta del gruppo sanguigni funziona eccome! Io ho risolto i miei problemi di colesterolo portandolo da 310 a 200 in poco più di 6 mesi e semplicemente cambiando alimentazione! Idem per la pressione e la pancia gonfia che non se ne voleva andare.
    Il dottor Mozzi é un autentico genio, altro che frottole. Le frottole sono quelle che ci racconta la medicina ufficiale e ce lo dimostra l’intervista di Berrino sulle Iene.
    Viva la dieta del gruppo sanguigno, io la consiglio a tutti!
    Qui trovate la dieta completa: http://dietagrupposanguigno.altervista.org

     
  2. emmecola

    4 aprile 2014 at 08:23

    Non ho visto l’intervista di cui parla, ma dal modo in cui hanno trattato la vicenda Stamina ho qualche difficoltà a considerare le Iene come una fonte di informazioni affidabile. Ad ogni modo, l’articolo che ho descritto dice che le diete del gruppo sanguigno portano effettivamente dei benefici per la salute, ma questi benefici NON dipendono dal gruppo sanguigno della persona. Sono diete più sane in generale, e per questo motivo la gente sta meglio. Questo, almeno, è quello che emerge dall’articolo.

     
  3. Merovingio

    10 giugno 2014 at 20:10

    Buongiorno, da 2 anni seguo il regime alimentare del gr.sang. (sono gr.0)
    ed ho risolto molti problemi, li ho proprio dimenticati…salvo ricordarli a seconda degli sgarri.
    Chi ha seri problemi di salute li puo guarire se ha fede e coraggio.
    Premetto che ho lavorato per 15 anni in un istituto di ricerca pubblica come tecnico a stretto contatto quotidiano con i ricercatori e prof. universitari.
    Seguire questo regime alimentare non è per niente facile, anzi è molto difficile per vari motivi:
    -condizionamenti sociali;
    -combinazioni alimentari
    -abitudini pregresse
    -mancanza di tempo e voglia di cucinare
    -difficoltà ad “ascoltarsi”
    In quanto allo studio dell’università di Toronto, io ho voluto leggerlo e confermo che quello si che è una “panzana”!
    Infatti lo studio è stato fatto su dati provenienti da un altra indagine.
    In pratica, come scrivi nel post , è stato dato un voto sull’aderenza o meno alla dieta in base al proprio gr.. Questo è assurdo! Infatti una persona che mangia quotidianamente piccole quantità di un alimento controindicato avrà un buon voto da Toronto, ma andrà in contro a problemi perchè il danno lo fa la frequenza.
    Poi tutti siamo diversi, la classificazione non deve essere vista rigidamente,
    ad esempio io che dovrei avere beneficio dalle prugne, non lo ho, anzi ho una reazione veloce ed inequivocabile.
    Provare per credere.

     
  4. Nunzio

    4 luglio 2014 at 14:06

    Salve mi chiamo Nunzio Curigliano, sono calabrese ed appartengo al gruppo sanguigno 0 Rh positivo.

     

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: